Post Operatorio


POST OPERATORIO NEGLI INTERVENTI DI LABIOPALATOSCHISI

Una cosa di cui ci si informa poco e la fase pre e post operatoria.

Per alcuni genitori è una cosa poco rilevante, per altri è assolutamente essenziale. Io la penso di più come i secondi.

Ci sono reparti in cui il digiuno, ad esempio, è molto breve per rispettare al massimo le esigenze dei bambini. A Pisa, ad esempio, il digiuno inizia 4/5 ore prima dell’intervento e allo stesso modo funziona al San Paolo di Milano, mentre in altri reparti, tipo Vicenza, il digiuno inizia diverse ore prima 7/8 ore ed in altri è ancora più lungo perchè trattano i bimbi allo stesso modo che fanno con gli adulti, con digiuni dalla mezzanotte.

A Pisa, subito dopo l’intervento, il bambino si può alimentare nello stesso modo in cui faceva prima (al seno per le labioschisi che riescono ad allattare, o con il biberon per le labiopalatoschisi), mentre in altri reparti si è costretti ad usare il cucchiaino, in altri una siringa… ma credo che ogni metodo diverso da quello a cui il bimbo era abituato sia una difficoltà in più da affrontare.

Per non parlare poi di alcuni reparti (per fortuna pochissimi) in cui si mette il sondino dopo l’intervento ed il bimbo viene dimesso con ancora il sondino (a Vicenza, ad esempio, ho sentito che si tiene anche per 18 giorni in seguito all’intervento!!!!) o a Torino dove bimbi di pochi mesi devono affrontare digiuni anche di 48 ore (alimentati solo da flebo)!!!!.

Cose davvero inconcepibili, ma non prendete per oro colato quello che leggete su questo sito. Se pensate di rivolgervi a questi reparti o a qualsiasi altro reparto vi rivolgete CHIEDETELO DIRETTAMENTE A LORO, non date per scontato che i trattamenti siano tutti uguali e con gli stessi protocolli. Cercate di arrivare agli interventi preparati per non aver sorprese all’ultimo istante per poi recriminare sul fatto che “non lo sapevamo”.

Poi ci sono reparti in cui il bimbo è libero di muoversi, altri invece in cui si immobilizzano le braccine per parecchi giorni (purtroppo questa pratica si utilizza ancora in molti ospedali) o in cui mettono maschere (tipo archetto di logan) o altri aggeggi per proteggere la zona che ha subito l’intervento.

Ci sono reparti che, esternamente usano colla o punti riassorbibile, mentre altri fanno una leggera anestesia una settimana dopo l’intervento per asportare i punti di sutura.

Credo che l’aspetto post e pre operatorio sia una cosa assolutamente da considerare e vi consiglio di andare a vedere i bimbi operati, nei reparti che lo permettono.

  • I NOSTRI BIMBI

    FOTO

  • RACCONTI
  • INIZIATIVE

    CONCRETE