Lip adhesion


I bimbi hanno un muscolo della bocca che gira attorno alle labbra (si chiama orbicolare delle labbra) che è di forma circolare, per questo esercita ad ogni contrazione una forza a direzione centripeta (verso il centro).

Ora, nei bimbi che nascono con una schisi questo muscolo è interrotto, proprio come un elastico tagliato. La lip adhesion non è altro che l’intervento che serve per aggiustarlo, facendo sì che la forza a direzione centripeta abbia di nuovo il suo effetto: in particolare serve ad avvicinare i segmenti ossei divisi dalla schisi, consentendo di eseguire una cheiloplastica ed una periostioplastica su una schisi di dimensioni minori con un migliore risultato funzionale ed estetico.

Questa tecnica è utilizzata a Pisa dal Dott.Gatti e a Lucca dal Prof.Massei. In altri centri si utilizzano delle placchette. Su questo punto ci sono pareri molto discordanti su cosa sia meglio e cosa no e a volte si sentono commenti davvero fuori luogo e non veritieri anche da parte di addetti ai lavori.

Per esempio una volta ho sentito dire ad una persona molto informata (medico che lavora alle lps da una vita e in uno dei centri più importanti di Italia) che non farebbe mai una lip adhesion per evitare di avere due cicatrici in più nel volto del bimbo, senza sapere che le cicatrici della lip adhesion (che per noi genitori è una chiusura del labbro anche se non definitiva) vengono fatte su una parte di pelle che poi viene asportata nell’intervento definitivo al labbro che si fa a due mesi. Questo per dirvi quanta poca conoscenza ci sia in materia.

Tempi di protocollo nelle lip adhesion:

I tempi di protocollo decisi da Massei per una lip adhesion sono attorno al mese di vita e questo periodo è stato deciso per una serie di fattori (tempi per fare lavorare la lip e lasciare lo spazio sufficiente per poter fare la periostioplastica e poi, successivamente la chiusura del palato a circa 5 o 6 mesi; periodo in cui la conformazione ossea del bimbo permette un più facile riavvicinamento del lembi della gengiva).

Ma non sempre si riesce a fare l’intervento nei tempi decisi a causa di diverse circostanze (bimbi nati prematuri, oppure parti gemellari in cui i bimbi sono troppo piccoli, bimbi che arrivano tardi a Pisa e che i tempi non permettono più di operarli così presto, periodi in cui ci sono molti interventi da fare e quindi non è possibile operarli al mese di vita) e a volte la lip adhesion può slittare a circa 2 mesi di vita.

Una domanda che ci poniamo spesso è se questa situazione comporterà dei problemi futuri al bambino.

Massei, quando deve fare una lip in ritardo si preoccupa di quanto potrà slittare la chiusura del palato (per lui è importantissima farla entro i 6 mesi) e a volte ha preferito chiudere solo il labbro saltando la lip e fare poi la periostioplastica alla chiusura del palato.

Gatti invece preferisce non fare la periostioplastica alla chiusura del palato perchè, secondo lui, riesce meglio a labbro aperto. Inoltre ritiene che la qualità della chiusura del labbro, nelle schisi più grandi, sia maggiore se prima si è fatta la lip adhesion. Quindi, sostanzialmente, in casi in cui non può farne a meno, sposta la lip anche a circa 2 mesi di vita ed ha riscontrato che i risultati sono comunque ottimi.

Esistono anche altri centri che praticano la lip adhesion, ma ovviamente, il metodo ed il risultato cambia da chirurgo a chirurgo e questo vale anche per le placchette, ci sono centri che le fanno molto bene (come al San Paolo di Milano) ed altri che fanno placchette a volte addirittura dannose.

  • I NOSTRI BIMBI

    FOTO

  • RACCONTI
  • CONTATTAMI SU

    FACEBOOK