Labioplastica


LABIOPLASTICA

A circa due mesi di vita del bambino si ricostruisce il labbro e si fa la periostioplastica (già spiegata precedentemente).

Esistono vari metodi chirurgici che differiscono quasi solo per la direzione delle cicatrici.

In particolare, Gatti e Massei usano la tecnica di Tennison (modificata Massei) nelle schisi monolaterali e quella di Mulliken nelle schisi bilaterali.

Contemporaneamente alla riparazione del labbro viene effettuata la riparazione dell’osso mascellare, se interessato, dal momento che, attorno ai quattro mesi di età si ha la massima produzione di tessuto osseo e quindi la possibilità di una più efficace ricostruzione dell’osso. 
La completa ricostruzione del labbro e dell’osso mascellare è importante affinchè il labbro ed il naso abbiano un aspetto normale; è fondamentale inoltre affinchè i denti crescano correttamente e tutto l’osso mascellare superiore si sviluppi bene.

La riparazione si ottiene utilizzando il periostio, che è il rivestimento dell’osso stesso, preso dalla zona vicina alla schisi stessa, considerando che nei primi mesi di vita il periostio spostato è in grado di produrre osso nuovo. Questo intervento, che si chiama periostioplastica, viene eseguito contemporaneamente alla riparazione del labbro, intorno al secondo mese di età. Se non viene fatto, e resta un difetto osseo, successivamente negli anni si può ancora intervenire facendo un innesto osseo (prelevato da una costa o dal bacino).

  • I NOSTRI BIMBI

    FOTO

  • RACCONTI
  • INIZIATIVE

    CONCRETE